Investire e Fare Business in Francia

Certo non mancano i motivi per decidere di investire e fare business in Francia: dalle infrastrutture, che sono le migliori in Europa, alla presenza di molte imprese internazionali e all'eccellenza di alcune imprese francesi. Ma il settore destinato a crescere maggiormente, anche in termini di investimenti, è quello turistico

Nonostante la crisi e alcuni dati macroeconomici non certo positivissimi (ma sicuramente molto migliori di quelli italiani) continua ad essere molti i motivi per investire e fare business in Francia. Intanto in Francia sono presenti più di 20000 imprese straniere che danno lavoro a quasi 3 milioni di persone. Queste imprese che hanno deciso di investire e fare business in Francia contribuiscono alle esportazioni per quasi il 40%, mentre per circa il 20% sono coinvolte in investimenti nel settore della ricerca. Investire e fare business in Francia significa quindi muoversi in un'economia di carattere prettamente internazionale. Basti pensare che, fino a tre anni fa, la Francia era la seconda destinazione mondiale e la prima europea per investimenti esteri diretti, restando comunque tra le prime cinque economie mondiali e tra le primissime in Europa. E, altro dato non secondario, è quello che mette in luce come tra le 500 più importanti compagnie mondiali, ben 40 siano francesi.

A rendere interessante e competitivo investire in Francia c'è, sicuramente, il suo sistema di infrastrutture portuali, aeroportuali e stradali. L'aeroporto Charlese de Gaulle è tra i più importanti in Europa, sia per traffico passeggeri, sia per traffico commerciale; i porti di Marsiglia e Le Havre sono tra i primi dieci più importanti. Per non parlare della sua rete autostradale che con i suo quasi 11000 km è tra le più sviluppate e capillari al mondo; stesso discorso vale per la rete ferroviaria francese che, per quanto riguarda l'alta velocità, è la più estesa d'Europa.

Tra gli elementi più importanti che spiegano la competitività del fare business in Francia vi è una parte del suo regime fiscale, con un prelievo favorevole agli investimenti esteri. Vi sono alcuni provvedimenti particolarmente interessanti come un credito d'imposta sulla ricerca tra i migliori d'Europa o il così detto sistema fiscale ecologico.

Diverse sono le organizzazioni che hanno come scopo incentivare lo sviluppo imprenditoriale, aiutando quindi chi vuole investire e fare business in Francia. Una delle più importanti è l'OSEO, azienda pubblica che aiuta le partnership con le banche. Il suo sito è oseo.fr.
Nato proprio per promuovere gli investimenti stranieri in Francia è l'ente nazionale AFII. Il suo sito è invest-in-france.org.
Importante è anche l'Agenzia Nazionale Francese per la Creazione d'Impresa che fornisce informazioni e supporto tecnico. Il suo sito è apce.com.

Ma è proprio l'AFII a mettere in luce come uno dei settori in cui può essere estremamente interessante investire in Francia è il settore turistico. I numeri parlano chiaro è la Francia resta tra le prime destinazioni turistiche mondiali con un mercato in continuo sviluppo. Di questa potenzialità si sono già accorti grandi gruppi alberghieri esteri che stanno aumentando la loro presenza in Francia. E questo avrà positive ricadute sia sul numero di turisti sia sulle possibilità di fare business con questo mercato.



(1) Commenti

jagdev singh
29 dicembre 2016, 18:17
salve,io abito in italia con premesso lungo periodo ,voglio transferire in francia . io voglio sapere minimo quanto soldi deve spendere in affari, che io posso lavorare e abitare in francia .

Scrivici se hai domande o commenti sulla Francia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento