Monumenti

Parlare dei monumenti della Francia è come parlare della sua gastronomia: è possibile farlo sono per accenni perché si tratta di uno dei patrimoni più ricchi del mondo. Edifici storici, religiosi ma anche bellezze naturali: i monumenti francesi non si contano

Anche il capitolo monumenti può essere solo accennato: le ricchezze storico-architettoniche della Francia sono tali e tante che non basterebbe un'enciclopedia per descriverle tutte. Ne segnaleremo solo alcune scusandoci per quelle non citate che sono, decisamente, troppe.

Partiamo, per esempio, dalla cattedrale di Amines. Siamo nel cuore della Piccardia e questa cattedrale rappresenta un meraviglioso esempio di architettura gotica. Questo gioeiello è notevole già a partire dalle sue dimensioni: è, infatti, due volte più grande della cattedrale di Notre Dame a Parigi. Un edifico che, nonostante le dimensioni, presenta una coerenza costruttiva piuttosto rara ma dovuta anche la fatto che la costruzione impegnò "solo" 60 anni. Un tempo che sembra lungo ma che è, in realtà, breve se rapportato all'immensità della costruzione e se paragonato a quello occorso per costruire altri edifici negli stessi periodi. A lasciare senza fiato l'immensa navata centrale ma da ammirare anche le sculture della facciata principale e le statue presenti sulla facciata principale e raffiguranti episodi della vita di Maria.

Altro monumento, nel cuore di Parigi, è il Palais Garnier conosciuto anche come Opera Garnier. Siamo nel IX arrondissement in un luogo non solo fastoso ma vivo di una programmazione musicale eccellente in una cornice di architettura barocca. La sua nascita la si deve a Napoleone II che voleva creare una sorta di Accademia Imperiale di Musica. Venne addirittura indetto un concorso per individuare quello che sarebbe stato l'architetto designato alla realizzazione dell'opera. Vinse, inaspettatamente, il giovane Charles Garnier. Un opera fastosa, con le sue sculture bronzee sulla sommità e l'enorme navata interna con le sue scalinate di marmo bianco.

Giusto per capire la ricchezza di monumenti in Francia, basti pensare che, nella sola Reims vi sono quattro edifici Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO: parliamo della Cattedrale di Notre Dame, dell'abbazia di Saint-Remì, della basilica di Saint remì e del palazzo episcopale o Palazzo Tau. La cattedrale di Notre Dame è un vero gioiello dell'arte gotica con la sua pianta a croce latina e una enorme volta di quasi 40 metri. A levare il fiato al visitatore sono però le sue meravigliose vetrate.

E si può non citare la Tour Eiffel, non solo simbolo della Francia ma forse uno dei più visitati monumenti del mondo intero: ogni anni sono 7 i milioni di visitatori che la ammirano. Con i suoi 324 metri doveva essere una costruzione temporanea, invece dal 1889 domina il profilo della città di Parigi. Inoltre, dal 200, ogni ora si mette a scintillare grazie ad un'installazione luminosa. Dalla sua sommità è possibile godere di una vista unica della città. Una vera macchina turistica con attrazioni ad ogni piano e ristoranti. Un monumento che può piacere o meno ma che davvero rappresenta, come nessun altro, un intero paese.

Tutto ciò che possiamo dirvi è che in ogni angolo di Francia, anche nel più piccolo borgo, sarà possibile trovare qualcosa che merita di essere definito monumento.



Scrivici se hai domande o commenti sulla Francia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento